LA LEGGE SCOUT
Art 2 : L'ESPLORATORE E' FEDELE

Mario Sica ci propone qui una lettura un po’ diversa da quella tradizionale del secondo articolo della Legge scout.

 
Il secondo articolo della Legge scout (A Scout is loyal) viene tradotto in italiano con:
L’Esploratore è leale .

E’ la versione tradizionale adottata sin dalla fondazione dello scautismo in Italia.
C’è solo un piccolo inconveniente: la parola inglese Ioyal non significa “ leale” (1), ma “ fedele”.
A me pare che tradurre leale non solo non rende il senso letterale originario di B.-P., ma costituisce un impoverimento della sua idea. Mentre non si può essere fedeli senza essere leali, non è vero il contrario: la lealtà non include necessariamente la fedeltà. Pensiamo a due coniugi che non si amino più e che anzi provino un sentimento per altre persone. Possono comportarsi con lealtà reciproca — e cioè con franchezza, sincerità, onestà — dicendosi tutto: ma la loro fedeltà sarà probabilmente venuta meno.

D’altronde ricordo che i miei Capi Riparto, nello spiegarci la Legge articolo per articolo (perché allora si usava così), avevano qualche difficoltà nel differenziare nettamente l’art. 2 dall’art. 1 (L’Esploratore considera suo onore meritare fiducia), e dovevano rifugiarsi nel comportamento esteriore (Io scout leale come persona schietta, che si comporta senza infingimenti, che dice pane al pane e vino al vino...). Che èimportante, naturalmente, ma è solo la proiezione esterna di un‘ atteggiamento interno. Se ridotto alla sola dote della lealtà, l’atteggiamento interno dell’art. 2 è effettivamente assai vicino a quello dell’art. 1. Se invece èriferito al concetto di “fedeltà”, copre una gamma di valori più ampia e diversa.

Un’altra osservazione di vocabolario. L’inglese ha due termini per indicare il concetto di “fedele”: loyal e faithful. I due termini sono molto vicini, ma non sinonimi: una sfumatura di differenza c’è. Faithful implica una costante, ferma adesione ad una persona o ad una istituzione cui uno è legato da un giuramento, da un obbligo religioso o giuridico ecc. (2); Loyal implica un saldo attaccamento ad una persona, a una causa o ad un’istituzione che uno ritiene in coscienza di dover appoggiare o difendere, per scelta o convinzione personale. Una moglie è faithful, un amico è loyal.
E interessante che — sottolineando la fedeltà che (secondo il testo completo di B.-P. dell’art. 2) lo scout deve “al Re, alla patria, al suo Capo Riparto, ai suoi genitori, ai suoi datori di lavoro e ai suoi sottoposti” —B.-P. abbia usato Ioyal senza esitare, anche se in qualcuna delle accezioni sarebbe andato bene anche faithful. B.-P. ha inteso sottolineare, a mio avviso, che il dovere di fedeltà dello scout nasce, non già da un obbligo religioso o giuridico, ma da un impegno liberamente assunto con la Promessa scout. Anche se poi previsto da una norma giuridica (p.es. nei confronti del Re), la fedeltà dello scout non può essere che loyalty, perché a monte vi è l’impegno personale della Promessa.

Mi si dirà che la Legge scout va attualizzata e che, tanto più traducendola in altra lingua, è lecito fare adattamenti al sentire e alle esigenze di oggi. Ma, appunto, oggi c’è più bisogno di lealtà o di fedeltà?

A me pare che vi sia più bisogno di FEDELTA'.

Ho detto che la fedeltà include la lealtà e non viceversa. E la fedeltà è una dimensione essenziale dell’animo umano troppo spesso oggi assente. E più facile trovare persone leali (che parlino chiaro, che dicano quello che pensano) piuttosto che persone fedeli (ai propri principi, alle proprie amicizie, alla propria storia). Ma è proprio questa dimensione —che non è solo il parlar chiaro, ma il pensare retto e il non cambiar pensiero ad ogni volger di vento, come banderuole — questa serietà e coerenza, questa strutturazione interiore che forma l’ossatura del carattere forte di B.-P.

Perciò mi auguro che col volger del tempo in tutte le associazioni scout italiane si inizi a dire:
art. 2, l’Esploratore è fedele .
Mario Sica
 

(1) Manca un’esatta traduzione inglese di “leale”, che sarà volta a volta straight, straightforward, honest, frank, open, ecc.
(2) Faithful è anche la traduzione del termine in senso religioso: the faithful, i fedeli (in Chiesa).





all'indice del sito

al Bazar
CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO